The last temple of the tree and man

The last temple of the tree and man 

Virtual enviroment art

2020

Multimedia and interactive installation based on 3D virtual reality application (with the use of artificial intelligence and generative electronic music programming) for professional headsets equipped with a touch controller.

eng

The place:

A temple (3D architectural project created by the author with a special 3D modeling technique in VR) positioned in the unknown, near a parallel dimension shrouded in total darkness. In this place the increasingly complex relationship between man and nature is celebrated (represented by a tree, now bare) but even more is a monumental warning to the emergency situation regarding which humanity must take note of its responsibilities and of the profound interconnection that exists between its stay in life and that of other living forms on the planet (starting from the vegetation that allows us to breathe, for example). The temple is also literally a sensitive environment in which there are a series of invisible points that produce sound when they are crossed by the user or by artificial intelligences.

Intelligent presences:

In addition to the user, who is literally the ignition key of the processes of lights and sounds that go into the environment, there are 5 simple artificial intelligences (forming a more complex collective intelligence sensitive in action) that simulate the behavior of butterflies (concrete metaphor of a process of movement as knowledge of space). These special insects of light have been endowed by the author with visual effects and colored lights that interpret and reveal space and its shapes as well as a series of trigger boxes on their body that allow them to translate their various actions (flying, resting on the various surfaces, etc.) in a random modulation in real time of a single sound (synthesized chorus) inserted by the artist who then, in the intertwining of the various relationships of each of the 5 butterflies with the environment, forms a generative and random choral piece potentially infinite.

 

Possibility of interaction by the user:

Once the complex audiovisual process has been started through its simple presence, the possibilities of interaction of the user with the environment are voluntarily limited, not at all decisive as well as all to be discovered since they are not reported or suggested: even the actions of the user are connected to the modulation of the same sound assigned to the butterflies and therefore it is not always easy for them to understand which of the sounds he / she hears was produced by him / her. Here the human being is an uninformed customer, a casual and substantially unexpected visitor, his presence and his actions affect what happens (for example when he touches some things or crosses certain points in space) but he does not govern anything of what is happening and he cannot change much but he is called to "be satisfied" with being able to assist and participate in a small part of the generation of music that is totally independent and unpredictable. Furthermore, for him / her the place remains mostly enigmatic since nothing of what he encounters intends to be explained or clarified.

About the use of artificial intelligence:

The research to which this work and its author are linked to the attempt to use artificial intelligence to generate random, unpredictable and potentially infinite audiovisual flows, meaning the behavior of these as that of natural phenomena but also as a metaphor for social and psychic phenomena , politicians and more. Furthermore, this research is characterized by its gaze towards the possibilities of collective intelligences rather than individual (more or less artificial) intelligences.

About the sense of the work: 

To rediscover the form of the new human being, it is no longer acceptable to disregard the profound reconsideration of his existential condition and his position of presumed dominance over the planet and other living beings and for this reason it intends to be first of all the "sacred place for secularism" in which to find the close interconnection with all that lives (represented by the tree). To free humanity from its idiosyncrasies with well-being (or at least a natural course) of the whole it will be necessary to definitively overcome any type of anthropocentrism and seek this new form outside oneself, widening the gaze to the other in all its forms, by diverting attention from the closed of our interior and turning it as much as possible to all the other to which each of us is connected. For these reasons, in this temple we find the man represented as fused with the body as well as integrated into the vital tissue of the other represented by the tree and it is again for these reasons that interactive circuits have been set up within which the users have limited control.

Installation:

Technical data

In its minimal form, the work requires the setting up of a corner or box at least 2X2 M wide that makes it possible for the user to move easily as well as to video-project or view the user's live experience on a large monitor. For installation, a PC equipped with a video card suitable for 3D virtual reality connected to a video device and a stereo audio system will therefore be required. Finally, a support will be needed on which to place the viewer so that it is easily accessible and visible to the public.

Further semantic phenomena:

This type of installation has the specific purpose of making the experience in the first person a collective and shared process in which the gaze of each becomes multiple vision and coexisted in public form with all its behavioral consequences and related psycho-sociological interests.


 

*All the necessary equipment can be provided, if necessary, by the artist.


 

ita

Installazione multimediale e interattiva basata su applicazione di realtà virtuale 3D (con uso di intelligenze artificiali e programmazione musica elettronica generativa) per headset professionali dotati ti touch controller.

Il luogo:

Un tempio (progetto architettonico in 3D realizzato dall’autore con speciale tecnica di modellazione 3D in VR) posizionato nell’ignoto, presso una dimensione parallela avvolta nell’oscurità totale. In questo luogo di celebra la sempre più complessa relazione tra l’uomo e la natura (rappresentata da un albero, ormai spoglio) ma ancora più si sostanzia un monito monumentale alla situazione di emergenza riguardo la quale l’umanità deve prendere atto delle sue responsabilità e della profonda interconnessione che esiste tra la sua permanenza in vita e quella delle altre forme viventi sul pianeta (a partire dalla vegetazione che ci permette ad esempio di respirare). Il tempio è anche letteralmente un ambiente sensibile in cui sono presenti una serie di punti invisibili che producono suono quando sono attraversati dal fruitore o dalle intelligenze artificiali.

Le presenze intelligenti:

Oltre al fruitore, che è letteralmente la chiave d’accensione dei processi di luci e suoni che vanno a farsi nell’ambiente, sono presenti 5 intelligenze artificiali semplici (a formare una più complessa intelligenza collettiva sensibile in azione) che simulano il comportamento di farfalle (metafora concreta di un processo di movimento come conoscenza dello spazio). Questi speciali insetti di luce sono stati dotati dall’autore di effetti visivi e luci colorate che interpretano e svelano lo spazio e le sue forme oltre che di una serie di trigger box sul loro corpo che permette di tradurre le loro varie azioni (volare, poggiarsi sulle varie superfici ecc) in una modulazione random in tempo reale di un unico suono (coro sintetitizzato) inserito dall’artista che quindi nell’intrecciarsi delle varie relazioni di ognuna delle 5 farfalle con l’ambiente va a costituire un brano corale generativo e aleatorio potenzialmente infinito.

Possibilità di interazione da parte del fruitore:

Una volta dato il via al complesso processo audiovisivo tramite la sua semplice presenza le possibilità di interazione del fruitore con l’ambiente sono volontariamente limitate, per nulla decisive oltre che tutte da scoprire dato che non sono segnalate ne suggerite: anche le azioni del fruitore sono collegate alla modulazione del medesimo suono assegnato alle farfalle e quindi non è sempre facile per questi comprendere quale dei suoni che ascolta sia stato prodotto da lui/lei. Qui l’essere umano è disinformato avventore, visitatore casuale e sostanzialmente inatteso, la sua presenza e le sue azioni incidono su quanto accade (ad esempio quando tocca alcune cose o attraversa certi punti dello spazio) ma egli non governa nulla di quanto va accadendo e non può cambiare molto ma è chiamato ad “accontentarsi” di poter assistere e partecipare un piccola parte alla generazione della musica che nel suo totale indipendente e imprevedibile. Inoltre per lui/lei il luogo rimane per lo più enigmatico dato che nulla di ciò che incontra intende spiegarsi o chiarirsi.

Circa l'uso delle intelligenze artificiali:

La ricerca a cui quest’opera ed il suo autore si legano al tentativo di utilizzare l’intelligenza artificiale per generare flussi audiovisivi aleatori, imprevedibili e potenzialmente infiniti intendendo il comportamento di queste come quello di fenomeni naturali ma anche come metafora di fenomeni sociali, psichici, politici e non solo. Inoltre questa ricerca si caratterizza per il suo volgere lo sguardo verso le possibilità di intelligenze collettive più che riguardo intelligenze (più o meno artificiali) individuali.

Circa il senso dell'opera:

Per riscoprire la forma del nuovo essere umano non è più accettabile prescindere dalla profonda riconsiderazione della sua condizione esistenziale e della sua posizione di presunto predominio sul pianeta e gli altri esseri viventi e per questo intende essere prima di tutto il luogo “sacro alla laicità” in cui ritrovare la stretta interconnessione con tutto ciò che vive (rappresentato dall’albero). Per liberare l’umanità dalle sue idiosincrasie con il benessere (o quantomeno un naturale andamento) del tutto sarà necessario superare in modo definitivo ogni tipo di antropocentrismo e cercare questa nuova forma fuori di sé, allargando lo sguardo all’altro in ogni sua forma, distogliendo l’attenzione dal chiuso del nostro interno e volgendola il più possibile a tutto l’altro a cui ognuno di noi è collegato. Per queste ragioni in questo tempio si ritrova l’uomo rappresentato come fuso con il corpo oltre che integrato nel tessuto vitale dell’altro rappresentato dall’albero e è ancora per dette motivazioni che si sono predisposti circuiti interattivi entro i quali i fruitori hanno limitato controllo.

L’installazione:

Dati tecnici

Nella sua forma minima l’opera necessita dell’allestimento di un corner o box ampio almeno 2X2 M che renda possibile al fruitore di muoversi agevolmente oltre che di video-proiettare o visualizzare su ampio monitor l’esperienza in diretta del fruitore. Per l’installazione saranno necessari quindi un Pc dotato di scheda video adatta alla realtà virtuale in 3D collegato ad una periferica video ed a un sistema audio stereo. Sarà necessario infine un supporto su cui collocare il visore in modo che sia facilmente raggiungibile e visibile dal pubblico.

Ulteriori fenomeni semantici:

Questo tipo di installazione ha lo specifico scopo di rendere l’esperienza in prima persona un processo collettivo e condiviso in cui lo sguardo di ciascuno diviene visione multipla e convissuta in forma pubblica con tutte le sue conseguenze comportamentali e gli annessi interessi di tipo psico-sociologico.

N.B.: Tutta l’attrezzatura necessaria può essere fornita, in caso fosse necessario, dall’artista.

© 2018-2021 curated by Veronica D'Auria